l’importanza dell’incoerenza

il pendolo della ragioneQualche anno fa durante una lezione universitaria, si stava leggendo una sbobinatuta di un focus group (una discussione di gruppo utilizzata nelle ricerche di psicologia), mi interrogavo sulla coerenza di un partecipante durante questa discussione (si parlava di biotecnologie, ma l’argomento non credo sia poi estremamente importante al fine del ragionamento).

Il soggetto  in questione, un professore di scuola superiore, quindi non un mega ignorante, esprimeva con forza e vigore ogni opinione proposta, trasmetteva una grande sicurezza in merito a ciò che esponeva e faceva percepire un suo ragionamento precedente, riguardo al tema del giorno. Tutto chiariva una sua presa di posizione, il suo essere di parte.

Ciò che mi colpì, riflettendo sulle narrazioni di questo soggetto, fu la sua grande incoerenza durante le 2 ore di discussione; dall’inizio, alla fine utilizzava ragionamento discordanti e contraddicentesi e non mi capacitavo di come una persona così convinta in quello che dice possa contraddirsi nel giro di una mezzora.

Esposi il mio dubbio al professore, che teneva il corso. Questo fu quanto mi disse, ridacchiando: “se non ci fosse incoerenza non potrebbe esistere il cambiamento!”.

Questa affermazione mi fece molto riflettere, anche perchè arrivava in un momento della mia vita in cui rivestivo di qualità salvifiche la coerenza, una meta a cui tendere a ogni costo. Fatto sta che iniziai a condividere la posizione del mio docente, ovviamente con la flessibilità del buon senso, ma capii che la coerenza a tutti i costi non è il frutto dell’intelletto, in misura maggiore dell’incoerenza.

Poi un giorno una situazione mi fece tornare alla mente questo ragionamento e lo mise un pò in crisi. Notai che una persona a me vicina, che non è la mia ragazza, refrattaria al cambiamento era forse una delle persone più incoerenti che conoscessi. Mi domandai: ma se l’incoerenza è la base del cambiamento, perchè le persone più incoerenti non cambiano mai?

Ci volle un pò di tempo, ma poi arrivai a una conclusione….

Esistono due tipologie d’incoerenza:

  • “dell’equilibrio del disordine” 
  • “della ragione”.

La prima modalità compete le persone che al proprio interno hanno molti scompartimenti, ognuno al suo interno molto disordinato, ma nel sistema complessivo in equilibrio tra loro. Tanti vasi di Pandora, che, come i castelli di carte da gioco, si sostengono a vicenda e se mossi scatenerebbero una catastrofe personale. In questo caso l’incoerenza è la forza che allontana il cambiamento, perchè tendente all’equilibrio del disordine; quindi negativa e sconsigliabile, se non accompagnata da un percorso di sostegno.

La seconda modalità, invece, tende all’ordine, a una sorta di ordine superiore a quello precedentemente presente. L’incoerenza in questo caso è la base del cambiamento, funzione della luce della ragione. In questo caso è positiva e va accolta con gli onori di casa, anche se richiedente sempre una riflessione su se stessa, per poter produrre un reale circolo di virtù.

PS:riflessione giorno post-scrittura-post, che sintetizza il mio pensiero: apprezzo e ricerco la coerenza tra azione e pensiero, ma credo che a volte il pensiero debba trovare contraddizione dal pensiero stesso

Annunci

12 Risposte to “l’importanza dell’incoerenza”

  1. Artemisia65 Says:

    l’incoerenza è alla base del caos che ha creato l’universo 🙂

  2. tommaso Says:

    bentornato a scrivere…da uno profondamente coerente nella sua incoerenza

  3. tommaso Says:

    perdona l’ignoranza, ma il pendolo della foto che particolare significato ha?

  4. piccochiu Says:

    mentre pensavo ad un immagine, mi è balenata in mente la sensazione che siamo, in riferimento alla coerenza, come dei pendoli: la forza di gravità e il nostro peso ci spingono all’immobilità, tutto ci porta a stare fermi, ma basta solo una piccola spinta ed inziamo ad oscillare, anche in maniera evidente.
    Mettere il pendolo non èstata una scelta ragionata, ma solo un’immagine emotiva.

  5. Gioia Says:

    Mentre leggevo (e rileggevo il tuo post) mi chiedevo a quale categoria io potessi appartenere, ma ancora non mi sono data una risposta.
    Vero è che nella vita ho cambiato opinione o meglio ho smussato delle convinzioni chiedendomi se non andassi incontro a delle incoerenze vere e proprie.
    Credo che per ora mi rimarrà il dubbio e nulla è più coerente con il titolo del tuo blog.

  6. piccochiu Says:

    Artemisia niente di più vero!!

  7. viverestphilosophari Says:

    Bello e profondo questo post!

  8. Honey Says:

    Adoro il tuo modo di scrivere… “intellettuale” ma comprensibile…
    Potresti servirmi come psicologo personale XD

  9. Chiara* Says:

    Salutiamo calorosamente il prof (tessoro) che ti ha fatto riflettere..perchè non lo diciamo quanto è bravo?!? (in quanto mio relatore non poteva essere diversamente…..)

    Amore, il giorno che avrai “pazienti personali” ti spezzo le braccine, sappilo
    🙂

  10. Artemisia65 Says:

    congratulazioni cesa
    di tutto cuore
    un bacio

  11. sara Says:

    grazie, molto bella la tua riflessione!

  12. simbamax Says:

    Complimenti, una bella riflessione che mi ha permesso di approfondire la conoscenza di un tema che sfuggiva alla mia comprensione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: