La necessità della parola

Anarchia significa esprimere ciò che si pensa. Sempre.
Il silenzio è una modalità di acquisizione di potere, il potere della conoscenza che, se mantenuto nella propria mente, non è ripartito. Io pensando qualcosa su una persona X ho potere su di lui, perchè so alcune cose che lui non sa che io so.
La prova a quanto dico sta nella possibilità per un terzo di delegittimarti usando in maniera impropria i non detti.
Essere chiari e trasparenti potrebbe essere rivoluzione

Annunci

Una Risposta to “La necessità della parola”

  1. pibond Says:

    Detto così è inquietante! In realtà il potere di X su Y segue una linea convenzionale di relazioni. Tutto sta nella convenzione che può essere orientata all’amorevolezza, alla competizione, o all’ostilità; oppure, anche all’indifferenza.
    Pensavo anche a te scrivendo un brano sul “Rasoio di Ockham”.
    Sta qui nell versione in corso di revisione.
    http://www.pibond.it/argomenti/eventi_di_oggi_visti_ieri/rasoio_ockham.pdf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: